Un desiderio fermentato e dilatato. Il gusto del dettaglio sottile che si apprezza da vicino, non la plateale esibizione. Il trionfo della vera individualità del capo nell’era del personalismo in serie. Gabriele Greco, con i suoi abiti, con la sua couture, ci fa toccare con mano i sogni.

Lascia un commento