Palindromo Mistificatorio: Brett Lloyd di Floriana De Rosa

Nato in Inghilterra, Brett Lloyd, vive e lavora a Londra. Spesso impegnato con pubblicazioni come Dust Magazine, Dazed & Confused, Another Man, Document, Vogue U.S e Vogue British, ha lavorato per Louis Vuitton, Calvin Klein, Hugo Boss, Maison Margiela, Alexander Mcqueen e Adidas. Il suo primo libro è: ”Scugnizzi” pubblicato da Dashwood Books, nel 2014.

”Scugnizzi” è un progetto originale, un palindromo mistificatorio di un idea audace e fresca. Ambientato durante la tiepida estate napoletana, miscelato a un eleganza tutta inglese, il progetto ritrae, quelli che in gergo napoletano vengono resi con la parola ‘scugnizzi’, giovanissimi adolescenti catturati in attimi fugaci della loro vita. Adolescenza raccontata dai colori caldi, accoglienti e ristoratori, ma anche  dal bianco e dal nero, che indomiti ricalcano il sacro e il profano della nuova generazione.

Ma vi è un quid, un particolare, che rende affascinante e dicotomico quello che il tocco del Lloyd; in questo e in tutti i suoi lavori. Un accenno, nelle sue fotografie ad una certa sensualità omoerotica, tanto agognata e resa celebre dal mito greco. Quell’amore innocente e primordiale, quello che ancora non sa ancora di esistere, ma che latente cresce. Sembra quasi che si sia voluto creare una dipendenza ossimorica a tratti, tra la bellezza eccelsa del paesaggio napoletano , sempre concreta e tangibile,  e correlarla con un’ idea trascendente e ideale di amore. L’immagine reca in se la purezza del bianco, del giovane lindo e casto, che si sposa indistintamente e inevitabilmente con il nero distratto della realtà che tutto muove e travolge.

‘’Due sentimenti eterni in perenne lotta, la ricerca dell’ordine e il fascino del caos…’’

Floriana De Rosa

In alto: foto tratta da Models.com

Galleria: foto tratte da Space Magazine, Total Management. 

Lascia un commento