Entrée

Febbraio 2021: LA GRANDE QUESTIONE

” Non vendo vestiti, ma sogni”

Irving Penn

Attualmente il mondo della Moda è scosso da un grande quesito, una ”Grande Questione”: Meglio l’allure senza tempo dei grandi maestri o la freschezza dei giovani? La Moda, da sempre creatrice di illusione, effimera e trasognata, deve continuare a ”fare il suo lavoro” come professava il fotografo Irving Penn, proponendo ideali, spingendo a sognare oppure deve riflettere la realtà, dev’essere intrisa di crudo realismo, funzionale e pragrammatico e diventare specchio di ciò che viviamo ogni giorno? Forse la prima, forse la seconda, forse entrambe.

Come spesso accade, una non esclude l’altra, perché di certo non stiamo parlando di Matematica, e l’universo soggettivo offre infiniti punti di vista, che anche se distanti non si escludono. Ma in realtà cos’è la Moda, da principio? Semplicemente un’estensione della realtà, o se vogliamo, una realtà migliorata. Ma facciamo finta di togliere il miglioramento, noi non siamo mai padroni e consapevoli della realtà, perché non potremmo mai possedere il concetto di realtà universale, solo della ”nostra realtà”, automaticamente, anche se di poco, idealizzato. Quindi di cosa stiamo parlando ?

Favorire il sogno o favorire la realtà, sono due modi complementari di vivere e fare Moda che non si escludono a vicenda poiché estremamente collegate. La Moda nasce dalla realtà ma ha come vocazione il sogno, che noi, in particolare in questo numero celebriamo. Ad ognuno il suo.

Luca Caputo

In alto: foto tratta da Electa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: